FAQ

Il Soft aging è la nuova filosofia, elaborata dal Dottor Saverio Campironi, riferita al mondo dell’Estetica.
E’ composta dall’unione dei termini “ Soft” e “Aging”. Per aging si intende il naturale processo di cambiamento del corpo durante il tempo, chiamato comunemente invecchiamento. Il termine soft si riferisce, invece, all’attenuazione di questo processo.
La teoria cambia l’approccio nei confronti dell’invecchiamento non considerandolo più come negativo, ma accettandolo e affrontandolo, prendendosi cura di se stessi in modo da garantire il benessere fisico, mentale ed emotivo.
Il Dottor Saverio Campironi, sulla base di questa filosofia ha ideato il suo metodo personale: il Metodo ATD.

È il metodo personale ideato dal Dottor Saverio Campironi, basandosi sulla filosofia del Soft aging, alla quale aderisce.
Il Metodo ATD è un piano di trattamento multiplanare composto da: Aesthetic, Training, Diet.
Si rivolge a chi ha l’obiettivo di gestire il processo di invecchiamento in modo efficace. La Medicina Estetica infatti conduce a un miglioramento corporeo localizzato, mentre per raggiungere un benessere a 360° è necessaria l’integrazione con una dieta e un percorso di allenamento su misura.
Il metodo del Dottor Saverio Campironi prevede un primo incontro preliminare durante il quale si conosce il paziente e quali obiettivi vuole raggiungere. Successivamente verrà creato un Treatment plan personalizzato in relazione alle esigenze del paziente.

È importante comprendere che l’aging process è un processo complesso che origina ed è influenzato da vari fattori interconnessi; per questa ragione una singola procedura non è sufficiente a risolvere tutti i fattori che accompagnano il processo.

Molti sono i trattamenti estetici per contrastarlo, ma la performance di questi trattamenti in durata e risultato visibile è influenzata da una adeguata supplementazione ormonale che mantenga i tessuti trofici e reattivi, da una dieta adeguata che riduca stress ossidativo ed infiammazione silente, favorendo processi riparativi e fornendo al contempo quantità adeguate di macromolecole essenziali. La creazione di un piano di allenamento personalizzato (anche in relazione a test genetici) mantiene i processi metabolici e rigenerativi attivi, ottimizza il microcircolo, funzioni linfatiche efficienti, rallenta il declino neurologico, aumenta di per sé il rilascio di alcuni ormoni con hanno un effetto antiaging intrinseco.

La creazione di un piano personalizzato che comprenda opportunamente dosati questi tre ambiti, che sono definiti pilastri, garantisce risultati nettamente superiori a quelli ottenibili con l’approccio tradizionale che utilizza singoli trattamenti separati.

Gli Ormoni Bioidentici, prescritti da uno specialista endocrinologo, sono utilizzati in caso di carenza di ormoni o gruppi di questi documentati da specifici esami ed evidenziati dalla clinica del paziente. L’obiettivo di questa terapia sostitutiva è quello di alleviare i sintomi causati dalla diminuzione nella produzione degli stessi da parte del corpo e ridurre l’incidenza delle malattie legate agli squilibri ormonali, favorendo uno stato ottimale e imitando, per quanto possibile, i processi naturali del corpo. Gli Ormoni Bioidentici, per l’appunto, sono copie chimiche degli ormoni umani, assolutamente recepite dal corpo come naturali.

Certamente. Vi è la possibilità di chiedere un consulto ed essere seguiti anche esclusivamente per una singola area.

I codici della bellezza (MD Codes TM) rappresentano una tecnica rivoluzionaria, codificata dal Dr. Mauricio de Maio, chirurgo di fama internazionale. Questo innovativo sistema prevede una vera e propria mappatura del viso che permette di identificare in concreto le posizioni strutturali più idonee per creare o ricreare l’architettura naturale del viso. In funzione delle caratteristiche ed esigenze del singolo paziente si individua la perfetta combinazione tra punto di iniezione, tecnica da impiegare e corretta quantità e tipo di prodotto.

I DYNA™ Codes, evoluzione degli MD Codes, mirano ad approfondire l’impatto della mimica facciale sull’intero volto del paziente leggendone e valutandone le espressioni. L’obiettivo, è quello di andare ad identificare i muscoli dinamici sui quali intervenire per trattare e successivamente conferire il miglior risultato estetico possibile alle zone interessate. Quindi, in passato si interveniva in modo diretto sulla singola ruga e ciò conduceva a risultati talvolta poco naturali senza tener conto di una strategia full face. Il rivoluzionario approccio del Dottor de Maio si basa su un assunto fondamentale: l’aspetto del volto che si vorrebbe ottenere con il trattamento (es. aspetto meno stanco, meno arrabbiato, più attraente, ecc.) a seguito di una accurata diagnosi del medico specialista, in gergo gli attributi emozionali del paziente.  Perché un trattamento estetico può soddisfare le aspettative di chi vi si sottopone, solo bilanciandone desideri ed esigenze reali.

L’Anti aging è una branca della Medicina che intende frenare il processo di invecchiamento.
Il Soft aging, invece, accetta questo processo come naturale, senza volerlo bloccare. Questo non significa rinunciare alla bellezza, ma anzi affrontare i cambiamenti corporei in maniera attiva e globale. Utilizza il Metodo ATD per strutturare un piano di benessere personalizzato.
L’Anti aging è stato interpretato come un rifiuto dell’invecchiamento, causando insoddisfazione dei pazienti per il mancato raggiungimento degli obiettivi estetici. Il Soft aging, invece, si pone come aiutante durante questo processo, garantendo il benessere fisico e psicologico.

La Medicina Estetica permette di eliminare o migliorare difetti estetici congeniti o sopravvenuti con il progredire dell’aging, in modo non invasivo, attraverso tecniche NON chirurgiche e mediante  trattamenti che prevedono l’impiego di attrezzature e prodotti di ultima generazione perfettamente tollerati e garantiti. Tutti gli interventi di medicina estetica possono essere eseguiti ambulatorialmente e non richiedono sedazione o anestesia generale. Richiedono un tempo di ritorno alla normalità brevissimo non alterando in alcun modo le normali attività sociali e lavorative dei pazienti. Con la consultazione iniziale si organizza un treatment plan che stabilisce  e modula il percorso necessario a soddisfare le esigenze di ciascun paziente. La Chirurgia Plastica permette invece, in sala operatoria, con la presenza di un anestesista, di correggere o riparare difetti morfologici e funzionali nei vari distretti corporei. Il tempo di ritorno alla normalità in questo caso è generalmente più importante, richiedendo al paziente un adattamento delle proprie attività lavorative e sociali.

LE MAGGIORI DIFFERENZE SONO:

  • ritorno alle normali attività quotidianità
  • reversibilità
  • coinvolgimento attivo sull’intensità del procedimento desiderato

Non necessariamente. L’uso dell’anestesia è una delle differenze sostanziali tra i trattamenti di Chirurgia e Medicina estetica. In un intervento chirurgico è obbligatoria l’anestesia totale; il paziente potrà vedere parte del risultato al suo risveglio e quello definitivo sarà apprezzato solo dopo la completa guarigione delle aree del corpo interessate.
La Medicina estetica, invece, non prevede alcuna anestesia principalmente perché i trattamenti non sono invasivi come quelli chirurgici. Hai la possibilità di essere vigile, osservando e guidando il medico passo a passo, durante il trattamento.
Per chi desidera ridurre ulteriormente il fastidio, il medico può fare una leggera anestesia locale, ma che permette comunque di essere consapevole durante il trattamento e di tornare rapidamente alle proprie attività di routine.

RICHIEDI UN CONSULTO

Compila il form per richiedere una consulenza o un appuntamento con il dottor Campironi. 

Sei interessato a
ATDMEDICINA ESTETICATRAININGNUTRIZIONEALTRO