LE CONDIZIONI TRATTATE

CORPO

Il corpo è la vera essenza della propria bellezza che comunica caratteristiche identitarie e di personalità.
Per questo, è importante essere fieri della propria immagine; siamo noi stessi, con tutte le qualità che ci appartengono.
Volersi migliorare è un ottimo obiettivo, se affrontato con positività e accettazione di sé.
È necessario controllare i cambiamenti del proprio corpo da sempre, in modo da garantire uno stato di benessere totale.
E tu pensi di avere raggiunto un benessere totale?

Cellulite

La cellulite colpisce l’80-90% di donne di età superiore ai 20 anni, indipendentemente dal peso e dalla taglia e tende a peggiorare con l’età. Le donne magre ne sono comunque affette, come le donne più in carne. Si conosce sotto varie denominazioni: adiposis edematosa, dermopanniculosis deformans, status protrusus cutis, lipodistrofia ginoide, PEFS, panniculopatia edemo fibro sclerotica ed infine, pelle a buccia d’arancia.
La cellulite consegue ad una stasi micro-circolatoria dell’ipoderma, a livello degli arti inferiori, con alterazione degli scambi tissutali.
La cellulite si accompagna spesso a strati di adiposità localizzata.
A livello tissutale, è caratterizzata da:
Ipertrofia delle cellule adipose, che subiscono alterazioni di forma e volume, con rotture e lacerazioni della membrana citoplasmatica che le avvolge, e conseguente fuoriuscita dei trigliceridi, che diffondono a livello dei tessuti, negli spazi intercellulari.
Accumulo di liquidi in eccesso (ritenzione idrica). L’equilibrio del sistema venoso e linfatico è modificato con un rallentamento del flusso sanguigno ed una ritenzione di liquidi da parte dei tessuti.
Fenomeni involutivi del tessuto reticolare intorno agli adipociti, con interessamento anche delle fibre di collagene.

Si manifesta con localizzazione ampia interessando: cosce, zona mediale delle ginocchia, regione lombosacrale, glutei, spalle, fascia estensoria e laterale degli arti superiori, base posteriore del collo, addome ecc.

La zona elettiva è, però, la parte posteriore delle cosce, che nei primi stadi si presenta come solcata da sporgenze e da rientranze trasversali. Uno stadio più avanzato mostra un’estensione dei depositi di grasso ai lati delle cosce ed un aspetto “a materasso”; delle loro zone posteriori.
Zone di infiltrazione molle si alternano a zone dure, influendo negativamente sulla libera circolazione della linfa: ciò induce disordine nella struttura degli strati più esterni (pelle, sottocutaneo e strato adiposo).
La pelle “cellulitica” si presenta inizialmente più opaca, con tonalità spesso cianotica, e cute fredda. Alla palpazione, compare la caratteristica “buccia d’arancia”. Successivamente il tessuto si arricchisce di piccoli noduli fibrosi profondi, ecchimosi per traumi anche minimi, teleangectasie e dolenzia spontanea o provocata da compressione. L’avanzare del processo porta alla comparsa di “ondulazioni” ed avvallamenti, che rivelano la forte perdita di tono ed elasticità della pelle.

Le cause della cellulite possono dipendere da fattori ormonali, genetici, da alterazioni del sistema microcircolatorio e dallo stile di vita. Uno stile di vita stressante può elevare il livello di catecolamine, favorendo la comparsa di cellulite.
Gli effetti psicologici di questa patologia possono essere piuttosto gravi e causare problematiche relative alla propria immagine corporea. Per alcune donne, la cellulite limita severamente l’assortimento del proprio armadio e causa imbarazzo durante i mesi estivi. Ci sono numerose soluzioni non invasive per la sua prevenzione e trattamento.

Procedure consigliate

Rilassamenti cutanei

Quando invecchiamo, la nostra pelle perde la sua tonicità ed elasticità a causa principalmente della perdita di funzione dei suoi elementi cellulari fondamentali: i fibroblasti. Caratteristica è la comparsa di pieghe e pliche causate dal riassorbimento dei compartimenti adiposi e tessuto osseo e dall’aumento del relativo scorrimento della cute sui piani sottocutanei.

Normalmente qualsiasi variazione di volume dei compartimenti profondi come quello che si verifica quando si diventa più grassi o più muscolosi oppure quando ad esempio si innestano protesi mammarie viene prontamente compensato dalla nostra pelle che si ‘riadatta’ alle dimensioni della nuova struttura.

Questa capacità viene progressivamente persa con l’aging a causa dei meccanismi sopra descritti. Qualora il peso corporeo abbia subito durante la nostra vita innumerevoli sbalzi a causa di improvviso dimagrimento o aumenti del grasso corporeo le proprietà elastiche della pelle saranno già al limite e la lassità cutanea se non trattata, si manifesterà precocemente.

Particolarmente efficaci nella prevenzione e trattamento delle lassità cutanee sono i trattamenti soft aging ed i piani di allenamento personalizzato volti a procrastinare la comparsa dell exponential aging, come descrivo in altre parti del mio sito.
Anche la medicina estetica e la chirurgia sono valide soluzioni aggiunte per il trattamento di questi inestetismi.

Procedure consigliate

SOVRAPPESO

Condizione caratterizzata da un aumento dei compartimenti adiposi del corpo. Può presentarsi diffusa o localizzata distorcendo l’armonia delle curve del corpo. E’ causata spesso da una alimentazione impropria, carenza di attività fisica, composti ormonali, malattie metaboliche e disfunzioni ormonali. E’ una condizione risolvibile solo con l’approccio multiplanare del “Metodo ATD”. Bisogna definire un piano di trattamento che comprenda: una riprogrammazione alimentare personalizzata, una supplementazione adeguata, una profilazione ormonale, una valutazione degli indici metabolici, una prescrizione personalizzata di attività fisica e l’utilizzo di procedure di medicina estetica. Talvolta potrebbe risultare necessario anche un supporto psicologico.

Con il metodo ATD i risultati sono straordinari e persistenti. La salute e le prestazioni del paziente vengono notevolmente potenziati.

Procedure consigliate

DIETA E ALLENAMENTO

Mangiare seguendo pattern qualitativi ed alimentarsi in maniera funzionale sono i due cardini dell’alimentazione degli atleti.

Ma cosa mangiare? In quale momento? Quali integratori utilizzare? Che intensità di allenamento raggiungere?

Lo stile di vita, l’attività lavorativa, il riposo, il piano di allenamento ed il momento agonistico condizionano notevolmente la progettazione di un piano alimentare e di allenamento che garantisca compliance con il lifestyle e grandi livelli di performance.

L’esperienza ventennale del Dottor Campironi in questo settore garantisce una progettazione accurata di un programma personale creato per potenziare la vostra salute e raggiungere livelli di performance eccezionali.

Procedure consigliate

RICHIEDI UN CONSULTO

Compila il form per richiedere una consulenza o un appuntamento con il dottor Campironi. 

Sei interessato a
ATDMEDICINA ESTETICATRAININGNUTRIZIONEALTRO